SEMINARIO
Scene da "tavolo" - La messinscena di una Wunderkammer dell’immaginario -

Il workshop seminariale: Scene da “tavolo” - La messinscena di una Wunderkammer dell’immaginario -, consiste in due giornate di studio laboratoriale –precedute da un incontro di due ore e seguite da quattro ore successive– organizzate nell’ambito delle attività didattiche di approfondimento legate ai corsi di studio permanenti.

La terna di seminari specialistici:
• Costruzione di strutture narrative con le immagini
   Il “discorso figura”. Articolazione: -La raccolta - La sequenza - Il racconto -

• Scene da "tavolo" - La messinscena di una Wunderkammer dell’immaginario -
• La Stimmung della “figura” umana contestualizzata
   Tecniche di ripresa con luce naturale modulata

è caratterizzata e regolata da una logica di collegamento sequenziale e di avanzamento progressivo, protesa all’accrescimento della conoscenza del linguaggio fotografico e di alcune tecniche di ripresa avanzate.

INCIPIT

[...], prima non c’era niente, poi qualche segno, piccoli spazi abitati, qualcosa che basta per avere un alto e un basso, un inizio e una fine, una destra e una sinistra, un recto e un verso. Abito il piano, lo investo, lo percorro...

[...], il tavolo è una cosa, un oggetto, un elemento funzionale, un ripiano. É uno spazio nello spazio, spazio di tempo compatibile con spazio di campo: tempo e spazio si combinano nel limite dell’orizzonte finito più prossimo fino a coniugarsi; fino a generare la messinscena.

Nel tavolo ri-piano, oltre al luogo per un’arte combinatoria, oltre al teatro delle sagome e degli oggetti, il fotografo potrà guardare con l’obiettivo la cornice della cornice, l’immagine dell’immagine, la sagoma dell’immagine dell’immagine...
Costruzioni complesse per scene inanimate, spazi in continua attesa, vortice di meraviglia. Una Wunderkammer privata, piccoli oggetti d’affezione, sagome ritagliate da stampe già lette, messi in rapporto e relazione attraverso piccoli spostamenti e prospettive situate, ordinati come la tessitura di un mosaico, e destinati a romperne la fissità.
Un gioco di forze e di forme, che coniugato in grammatica visiva vibra tra “passato prossimo” e “futuro anteriore”, un correlato dell’inanimato compreso nello scarto tra concetto e natura.

Incontro preliminare
• Formalizzazione degli aspetti amministrativi e logistici
• Organizzazione delle attrezzature
• Indicazioni per la preparazione ed il reperimento degli elementi di scena

FASI LABORATORIALI

Teoretica
• Significato di messinscena
• Significato di narrazione
• Il processo di trans-figurazione (semiotizzazione)
• Narrazione come correlato di illustrazione
• Il tavolo, da oggetto funzionale a spazio addomesticato
• Il tavolo come spazio in attesa
• Background come margine di una realtà indeterminata
• Wunderkammer
• La “riduzione” bidimensionale

Officina
• Inventario degli oggetti
• Progettazione della scena narrante
   Soggetto e complemento - Elementi aggettivi
• Realizzazione delle sagome e della scenografia
• Disposizione e orientamento degli elementi scenici
• Definizione delle “prospettive situate”
• Illuminazione scenica e valore delle ombre
• Ripresa

Incontro di chiusura e di sintesi
Visualizzazione e analisi degli elaborati
Ipotesi d’impaginazione narrativa condivisa

Ogni allievo sarà impegnato nella realizzazione degli elementi sagoma e scenografici, dell’allestimento del proprio tavolo, dell’illuminazione della scena e della ripresa.

Inizio seminario: Primavera 2016
Durata: 20 ore (2 ore + 8 ore + 8 ore + 2 ore)
Conduzione: Danilo Cognigni
Frequenza: 1° incontro il giovedi dalle ore 21 alle ore 23
sabato e domenica dalle ore 9 alle ore 13 dalle 14 alle 18
incontro di chiusura il giovedi dalle ore 21 alle ore 23
Contributo di sostegno associativo:

• Ex allievi petite maison des sons et lumières euro 80
• Soci fondatori e sostenitori petite maison des sons et lumières euro 80
• Soci ordinari petite maison des sons et lumières euro 95
• Tutti gli interessati non soci petite maison des sons et lumières euro 110

La petite maison des sons et lumières è un’organizzazione no profit, l’intero ricavato viene utilizzato per lo sviluppo, per la ricerca, per l’investimento tecnologico e per i supporti didattici delle attività svolte. Per partecipare alle attività didattiche occorre essere nostri associati; tesseramento Socio ordinario euro 5 con validità a tempo indeterminato.